Pneumatici Continental Taraxagum: il Tarassaco per la sostenibilità green

La radice di Tarassaco al posto della materia prima fornita dall’albero della gomma sugli pneumatici Continental Taraxagum, per un migliore impatto ambientale.

Gli pneumatici Continental Taraxagum evidenziano nella sigla il legame con la loro novità più importante: l’uso di un materiale derivante dalla radice di Tarassaco (detto anche “dente di leone”) per sostituire completamente nelle fasce di battistrada la gomma naturale proveniente dall’albero di Hevea Brasiliensis. Il risultato è un prodotto, frutto della ricerca del colosso tedesco, che contribuisce alla causa ecologica.

La crescente domanda di gomma naturale pone la necessità di trovare soluzioni di taglio green, valide dal punto di vista della sostenibilità economica oltre che ambientale, avendo il lungo termine come prospettiva.

Il Tarassaco ha molte frecce al suo arco per assecondare i nuovi bisogni. Questa pianta della famiglia delle Asteracee accorcia le percorrenze nei trasporti, con quanto di buono ne consegue. Può essere infatti coltivata nei climi nordeuropei e in terreni poco fertili, richiedendo poche cure.

Ciò permette di evitare i lunghi viaggi della materia prima tradizionale (quella estratta dall’Hevea Brasiliensis per intenderci), che proviene da piantagioni tropicali presenti soprattutto nel sud-est asiatico e anche in alcuni paesi dell’Africa. Facile intuire i benefici sulla filiera, grazie alla riduzione dei percorsi e della competizione con le coltivazioni alimentari locali.

I riflessi positivi, in termini di impatto ambientale e biodiversità, emergono anche nella minore necessità di sacrificare le foreste fluviali per soddisfare la crescente domanda mondiale di gomma attraverso estese piantumazioni di Euphorbiaceae, tradizionalmente destinate allo scopo.

Tutto questo spiega perché il progetto Continental per l’uso del Tarassaco sugli pneumatici sia stato premiato con il GreenTec Award, come esempio luminoso di impegno per l’ambiente e di tecnologia green all’avanguardia nell’ambito dei trasporti automobilistici.

La decisione di usare il “dente di leone” sugli pneumatici Continental nasce dalla ricerca del produttore tedesco nel campo dei materiali innovativi, per una produzione più efficiente, sostenibile e meno vincolata alle materie prime tradizionali. Al momento si è ancora nella fase dei test, ma le coperture usate come prototipo hanno già superato le fasi di collaudo.

In previsione dei bisogni futuri, diverse ricerche sono state compiute insieme all’Istituto di Biologia Molecolare ed Ecologia Applicata (IME) Fraunhofer che hanno portato all’avvio della coltivazione di un tarassaco russo molto resistente e ad elevato rendimento. Ora si punta all’industrializzazione. In tal senso, il TLA (Taraxagum Lab Anklam) lavora alacremente per rendere possibile il raggiungimento dell’obiettivo.

Fonte: Pneumatici Continental Taraxagum: il Tarassaco per la sostenibilità green

Pneumatici Continental Taraxagum: il Tarassaco per la sostenibilità green

Post navigation


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close